Libri

[Recensione] La città di ottone

51jCtnUwbYL

Titolo: La città di ottone

Genere: Fantasy mitologico

Autore: S.A. Chakraborty

La Città di Ottone è un fantasy basato sulla mitologia e la religione del Medio Oriente. Il romanzo alterna due punti di vista, quello di Nahri e quello di Ali.

Nahri è una giovane donna del Cairo, che sbarca il lunario grazie a piccole truffe e possiede dei doni che non si sa spiegare: capisce e impara qualsiasi lingua lei senta, guarisce rapidamente da qualsiasi ferita e riesce a percepire lo stato di salute delle altre persone.

Ali invece è un jinn, il secondo figlio del re della Città di Ottone dove, all’insaputa degli umani, risiedono le sei tribù jinn.

Un giorno Nahri evoca per sbaglio Dara, un impetuoso e irascibile jinn guerriero, e la sua vita viene completamente capovolta. Dopo averla salvata da creature demoniache che tentano di ucciderla, Dara la porta con sé fino a Daevabad. L’atmosfera che si respira nella Città di Ottone però è tesa, le fazioni sono belligeranti, sull’orlo di una crisi e Nahri si troverà al centro di un conflitto millenario.

Se dovessi usare una sola parola per descrivere questo romanzo direi: conflitto. Infatti sono molteplici i conflitti che portano avanti la trama: quello tra i jinn di sangue puro e gli shafit, tra le tribù jinn e gli altri esseri magici, tra chi supporta la famiglia regnante e chi vorrebbe tornare al vecchio regime Nahid.

Senza parlare dei conflitti che esistono tra i vari personaggi e, molto spesso, anche all’interno del singolo.

Questa conflittualità è senz’altro il filo conduttore di tutta la trama e, sebbene renda la storia più viva e dinamica, così tanti intrecci e contrapposizioni rischiano di confondere il lettore, privandolo della possibilità di avere un chiaro quadro della situazione.

A parte questo La Città di Ottone è senza dubbio un buonissimo esordio e pone una base solida per i prossimi due libri. I personaggi sono interessanti, ben caratterizzati, le tematiche affrontate sono coinvolgenti, in qualche modo anche attuali, e l’autrice tiene sempre alta l’attenzione grazie ad una trama ricca di avvenimenti, azione e colpi di scena.

Non vedo l’ora di poter leggere il seguito e immergermi di nuovo nelle magiche atmosfere orientali di questa storia.

A voi piacciono le ambientazioni orientali? Avete letto qualche libro ambientato in Medio Oriente?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...