Libri

[Recensione] Una corte di fiamme e argento – Sarah J. Maas

Il 23 febbraio è uscito in Italia l’attesissimo libro con il quale Sarah J. Maas inaugura una nuova trilogia ambientata nel mondo di Prythian.

ACOS

Sono passati mesi dall’atroce battaglia contro il Re di Hybern e Nesta Archeron ha cercato di tagliare tutti i ponti con la corte della Notte e con le sue sorelle. Gli orrori che ha vissuto, dal momento in cui è stata gettata nel Calderone risuonano dentro di lei come un incubo da cui non riesce a fuggire.

Nesta è sempre stata spigolosa, orgogliosa, pronta ad infiammarsi di rabbia e poco incline al perdono, ma da quando è stata trasformata in Fae contro la sua volontà, dimenticare gli orrori che ha dovuto subire è diventato sempre più difficile, così come le è difficile trovare il suo posto all’interno di quel nuovo mondo e nella corte della Notte.

Dopo mesi di emarginazione e di vita al limite c’è solo una persona che riesce ad accendere una scintilla nei suoi occhi, solo una persona sa quali punti colpire per risvegliarla dal suo intorpidimento. Cassian, il potente generale Illyrian, è in grado di scaldare il suo animo e farlo bruciare fino alle radici.

Nel tentativo di sconfiggere i suoi demoni e di comprendere lo smisurato potere che ha rubato al Calderone, Nesta si troverà a dover affrontare un mondo che rischia di precipitare di nuovo in una guerra, mentre combatte la battaglia più dura: quella dentro di sé.

Ero emozionatissima all’idea di ritornare a Prythian. Nesta mi ha sempre colpito, fin da quando la Maas ha deciso di darle un po’ di spazio in più. Avevo capito che era un personaggio affascinante e non vedevo l’ora di sapere cosa ci fosse in serbo per lei.

Una Corte di Fiamme e Argento (A court of silver flames) è un tomone di oltre 700 pagine che, inizialmente, mi ha molto intimorita.

Quando ho cominciato a leggerlo e sono scivolata nella storia con scioltezza, ho capito che sarebbe stato diverso dai libri precedenti, almeno in parte.

Nesta Archeron è rinchiusa nella prigione della sua mente, nel buio dei ricordi dolorosi, della paura di ciò che ha vissuto.

Il suo dolore viene da lontano, una sofferenza che vive in lei da sempre e che camuffa con la rabbia e l’orgoglio, ma che ora sta scavando un buco profondo e nero dentro di lei, dal quale non c’è via d’uscita.

Nesta vive nella rabbia perché non conosce altro modo per sopravvivere ai traumi, alla sua tristezza, alla bassissima opinione che ha di sé. 

Non vuole far sapere a nessuno quanto sia in difficoltà e quindi spinge via tutti con una cattiva parola, con uno sguardo sprezzante, con comportamenti che farebbero desistere chiunque dal volerla aiutare.

Lo fa perché crede di meritarselo, vuole essere abbandonata e disprezzata perché lei stessa si disprezza.

Non vede altro che i suoi fallimenti, gli errori, gli inciampi, la sua mente è sovrastata da un rumore sordo che le dice che non si merita nulla.

Guarire da un mostro così grande, che si ciba di te da anni, è difficile. È un percorso lungo diecimila scalini, un cammino di sudore e di ostacoli.

Una corte di fiamme e argento sono oltre 700 pagine di guarigione, di ascesa, di conquista di sé.

Non è tutto oro quello che luccica, ci sono stati passaggi che non mi hanno convinta, una trama orizzontale molto scarna (che però spero sia il preludio a qualcosa di più elaborato nei prossimi libri), un sistema magico non sempre ben spiegato e giustificato, ma quasi sempre funzionale unicamente allo svolgimento della storia.

Tuttavia Nesta è ciò che tiene sulle spalle questo racconto, è un personaggio che merita di essere conosciuto e apprezzato. Perché forse tanti di noi sono stati come lei, chi solo una volta e chi più spesso, nel corso della vita. Abbiamo sentito quel vuoto, quel senso di fallimento. Quel partecipare alla felicità degli altri senza sentirsene davvero parte, come se stessimo guardando dalla finestra.

Nesta non vuole rimanere da sola, tuttavia si isola.

Non vuole essere aiutata, ma vuole essere aiutata.

Non vuole far sapere che ha bisogno di aiuto, ma vorrebbe che qualcuno le tendesse la mano.

La vera guarigione, però, avviene solo quando capisce di meritarsi quell’aiuto, quella mano tesa, quella luce che le viene donata. 

Quando capisce di meritarsi l’amicizia, la famiglia e l’amore.

Ma capisce anche che solo lei può salvarsi da sé stessa e nessun altro. È lei che deve trovare il coraggio di combattere con le unghie e con i denti, che deve avere la forza di trovare il suo posto nel mondo, il suo scopo.

Come ho detto, la trama orizzontale di per sé è piuttosto scarna. Il libro si sofferma molto di più sulla psicologia di Nesta e sul suo rapporto con Cassian, e questa coppia fa scintille credetemi.

Mi è piaciuto come si è sviluppato il loro rapporto. Diversamente da quello dolce, incerto e romantico di Feyre e Rhysand, Cassian e Nesta sono un incendio che divampa e brucia con fiamme alte come palazzi. Sono entrambi predatori che combattono per il predominio, sono unghie che graffiano e balsamo che lenisce. 

I personaggi secondari sono un’altra piccola perla, la Maas si fa perdonare per altre mancanze con l’introduzione di due personaggi femminili che si incastrano alla perfezione con la storia e che promettono benissimo per il futuro. 

Una corte di fiamme e argento è stato tutto ciò che mi aspettavo, ma allo stesso tempo anche completamente diverso. È stato bello ritornare a Prythian e già non vedo l’ora di proseguire con questa nuova avventura, mi aspetto molte cose dal prossimo libro… anche se chissà quanto ci toccherà aspettare!

Voi conoscete questa saga? Avete letto o leggerete questo libro? Fatemelo sapere!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...