Libri

[Recensione] Gli Inganni di Locke Lamora – Scott Lynch

Gli Inganni di Locke Lamora non solo è il libro più bello letto ad aprile, ma rientrerà sicuramente tra i preferiti del 2021.

gli_inganni_di_locke_lamora

TRAMA:

Camorr è una città rischiosa, dominata da leggi scritte e non scritte, nella quale lestofanti, ladri e impostori comandano ogni via e vicolo buio. È una scacchiera il cui sottobosco brulica di intrighi e sotterfugi che si incastrano e si accavallano.
I Bastardi Galantuomini sono il gruppo di ladri di cui fa parte Locke Lamora, scaltri e astuti tanto da riuscire a ingannare chiunque con i loro piani ingegnosi e i loro travestimenti impeccabili. A causa dell’arrivo di una nuova e pericolosa figura in città, rimarranno impigliati in un gioco pericoloso, che getterà ombre sul loro futuro.


Lynch ha costruito un romanzo eccentrico, intricato e, lasciatemelo dire, dannatamente figo.
Ogni pagina, ogni svolta nella storia, ogni dialogo e interazione pervadono il lettore di assoluto entusiasmo.
Quello che viene messo in atto è un gioco di arguzia e ingegno, i personaggi sembrano essere sempre un passo avanti, anche quando loro stessi vengono presi in contropiede, anche quando le cose si mettono male. A noi non resta che rimanere spettatori di un intreccio magistrale che si snoda davanti ai nostri occhi nella maniera più inaspettata.


Lo stile di Lynch è impeccabile, il worldbuilding è costruito nei minimi dettagli e assolutamente realistico, per quanto bizzarro per certi aspetti. C’è un innegabile ispirazione alla nostra Venezia, ma più sanguinolenta e pericolosa, più corrotta e con un briciolo di aura steampunk.
Mi sono legata ai personaggi, ho empatizzato con loro, ho sofferto. Sono passata da ridere di gusto a piangere per l’incredulità. Sono rimasta agganciata alle pagine come un pesce all’amo fino all’ultima parola.


La storia è un crescendo, fino al finale da cardiopalma, che fa perdere battiti e trattenere il respiro.
La scelta narrativa è sicuramente bizzarra. Ha il sapore di una pièce teatrale, per i dialoghi che sembrano recitati e per la struttura, che prevede sempre degli interludi alla fine di ogni capitolo. Forse non tutti ameranno questa impostazione, ma io, una volta superati i dubbi iniziali, non ho potuto fare a meno di amare ogni dettaglio e non vedo l’ora di sapere come continua la storia dei Bastardi Galantuomini.

Voi avete mai letto questa saga? Vi ispira? Fatemelo sapere!

2 pensieri riguardo “[Recensione] Gli Inganni di Locke Lamora – Scott Lynch

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...